0 In assaggi/ cibi dal mondo/ dove mangiare a genova

La Pànera, il gelato di Genova

Semifreddo a base di panna, caffè e aromi, la pànera nasce a Genova nella seconda metà del 1800: il nome deriva dalla contrazione dei termini panna e nera e la prima ricetta ufficiale compare per la prima volta nella Cuciniera Genovese di Giovanni Battista Ratto (1893), dove è descritta come “una panna montata, aromatizzata con cannella e caffè”.
Oggi, la ricetta è catalogata al Ministero delle Politiche Agricole e Agroalimentari come prodotto tipico ligure con produzione a Genova.

Le origini si devono alla gelateria Amedeo di Boccadasse, ma a partire dal 1913 la pànera sbarca anche in centro storico grazie alla famiglia Carrea che gestisce in quegli anni ben 9 latterie.
Oggi sono attive solo due di quelle cremerie: una in via Luccoli 12 rosso e una in via degli Orefici 12 rosso, gestite entrambe da un discendente in linea materna dei fondatori, Romeo Ghiotto. Insieme alla moglie Adriana e ai figli Andrea e Simone ha rilevato nel 1970 i locali in marmo di via degli Orefici dal prozio Giovanni e nel 1992 la Cremeria Buonafede di via Luccoli dal cugino Nicolò.

Quest’ultima nel 2014 è stata inserita tra i Locali della Tradizione di Genova e porta il nome del fondatore: Giacomo Parodi, conosciuto a inizio Novecento con il soprannome di Buonafede, perchè durante i suoi viaggi di approvigionamento precisava alle guardie del dazio che non annacquava il suo latte.

Un’ultima chicca dopo il restyling recente dei locali di via Luccoli è il semifreddo dei Rolli: panna, mascarpone, zabaione al Rum e pan di spagna alle mandorle. Dedicato al sistema dei Palazzi dei Rolli, la famiglia ha un laboratorio di produzione a Palazzo Grillo, uno tra i 42 palazzi iscritti nella lista patrimonio UNESCO.

Tra storia e gusto, una tappa golosa obbligatoria per assaggiare la tradizione della città!

 

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply